Carlotta Schiavon

Meravigliosa creatura, il suo amore per la vita era unico.
Ciò che più spiccava in lei era la pazzesca attitudine a non arrendersi mai.

Anima dotata di determinazione e sensibilità unica. Il suo ottimismo incondizionato è diventato anche il nostro e di questo le saremo per sempre grate.

Carlotta era un vulcano di energia e di idee allo stato puro, che ci hanno travolto totalmente.
La sua frase preferita era : “Dopo l'inverno arriva sempre la primavera”
Non ha mai perso la speranza, la stessa che riusciva ad infondere sempre anche a noi, perché faceva parte di lei e del suo essere.
In questa pagina vi proponiamo il discorso che Carlotta tenne nel 2016 per Europa Donna, il movimento che rappresenta i diritti delle donne nella cura e prevenzione del tumore al al seno. Poche parole, di una potenza disarmante.

Il giorno in cui la mia vita si è decisamente trasformata, migliorata... è stato il giorno della diagnosi.
Quando la vita ha deciso di darmi un'opportunità di fare un cambiamento totale, senza troppe spiegazioni per nessuno, neanche per me stessa. È successo, punto.

Ovvio quel giorno non la pensavo proprio così. Troppe informazioni da ricevere in pochi minuti. La mente si appanna, tutto diventa nero, non connetti... Non puoi proprio considerarti “fortunata” anzi tutt’altro. E poi non potevo proprio immaginare stesse tutto succedendo a me. Io che stavo benissimo sia fisicamente che mentalmente. Finalmente dopo anni faticosi, tutto si stava sistemando, finalmente potevo tirare un sospiro di sollievo.

E invece no, quel sospiro lo sto ancora trattenendo. Perché non si guarisce da un tumore al seno metastatico in poco tempo anzi.
La maggior parte delle volte non si guarisce proprio.

«Solo un 5%», mi disse il mio oncologo preferito.

E io ovviamente mi aggrappo a quel bellissimo numero che ormai fa parte della mia vita quotidiana. Mi incoraggia a continuare con positività e ottimismo questo viaggio tra alti e bassi.
Tutto è cambiato.. tutto.. il mio rapporto con me stessa, con i miei familiari, con amici, con la vita, con il tempo. Il mio punto di vista è cambiato.. la scala delle priorità si è capovolta.. È incredibile come le relazioni, le emozioni si trasformino. Si scoprono risorse nascoste.. sì, perché tutto è dentro di noi..
Allora si trova la forza di svegliarsi alle 5 di mattina per andare a camminare, sole o pioggia non importa… E da oggi si mangia sano.. sì, qualche rinuncia, ma è per un'ottima causa!! Determinazione.. obiettivo chiaro… la guarigione!!! Il mio 5 percento …
Sfortunatamente la maggior parte delle volte solo i grandi traumi attivano queste risorse. Solo i grandi traumi ci permettono di fare un viaggio introspettivo alla scoperta di chi siamo veramente. Abbiamo sempre la scusa pronta: non abbiamo tempo...
Ecco il tempo. È la cosa che in assoluto ho rivalutato. La cosa in assoluto più preziosa. Il tumore ti mette in faccia la dura verità: non siamo immortali, non vivremo per sempre…


Quindi la grande svolta. Oggi scelgo come e con chi passare il mio tempo… che libertà! Io che non credevo di poter vivere senza lavoro, ho scoperto invece di essere tagliata per fare la mamma e la moglie a tempo pieno, per dedicare tempo al volontariato.
Non voglio entrare nel dettaglio di cosa vuol dire affrontare chemioterapia. Tutti gli effetti collaterali, le visite continue… la mia vuole essere una testimonianza di speranza e consapevolezza.
Tumore non significa sempre e solo una condanna a morte sicura. Il tumore per me è stato una grande opportunità di capire chi sono e cosa voglio fare da grande. Sì, da grande, perché non sarà il tumore a fermare i miei progetti.. a comandare sul mio presente e futuro. Il tumore mi ha aperto gli occhi.
Nonostante mi stia ancora curando, trovo il tempo da dedicare alle donne, ai pazienti che stanno attraversando il percorso della malattia, incoraggiandoli ad essere protagonisti di questo cambiamento, protagonisti della propria vita e del proprio percorso di cura.
Fare volontariato mi arricchisce ogni giorno. Mi arricchisce di emozioni, di conforto, di ascolto, di umanità. Il volontariato non si limita all’accudimento dei pazienti.. ma si occupa anche della loro riabilitazione, dei loro diritti, è uno strumento per far sentire la nostra voce di pazienti nell’ambiente medico e nel mondo.
L’ultimo mio messaggio è dedicato alla prevenzione. Prestate attenzione ai segnali che ci manda il nostro corpo, imparando ad ascoltarlo dedicandogli del tempo. Non sottovalutate cambiamenti che sembrano banali, fatevi visitare da personale competente con esperienza.
Una diagnosi precoce semplifica la prognosi, e se tutto è negativo…beh… festeggiate!!!

Buona vita!
Carlotta

  • - Il bigliettino giallo preferito di Veronica
    Il sole c'è sempre anche se non lo vedi.
    - Il bigliettino giallo preferito di Veronica
  • - Il bigliettino giallo preferito di Antonella
    Credici e diventerà possibile.
    - Il bigliettino giallo preferito di Antonella
  • - Il bigliettino giallo preferito di Carlotta
    Dopo l'inverno arriva sempre la primavera.
    - Il bigliettino giallo preferito di Carlotta
  • - Il bigliettino giallo preferito di Barbara
    Nulla capita per caso! Nemmeno tu.
    - Il bigliettino giallo preferito di Barbara
  • - Il bigliettino giallo preferito di Eleonora
    A volte è così: ti si rompe un equilibrio e ti si aggiusta la vita.
    - Il bigliettino giallo preferito di Eleonora
  • - Il bigliettino giallo preferito di Manola
    Sei nato per essere felice. Non distrarti.
    - Il bigliettino giallo preferito di Manola
  • - Il bigliettino giallo preferito di Edi
    Non mollare mai, le grandi cose richiedono tempo.
    - Il bigliettino giallo preferito di Edi